Whatmatters

La “comunicazione” tra standard di reporting: GRI e EFRAG

La “comunicazione” tra standard di reporting: GRI e EFRAG GRI ed EFRAG hanno recentemente pubblicato una dichiarazione congiunta in cui viene dichiarata – con soddisfazione degli enti ed un certo sollievo per le aziende – che si è raggiunti un elevato grado di interoperabilità tra gli European Sustainability Reporting Standards (ESRS) e i GRI Standards. Oltre al requisito della CSRD di adottare un approccio di doppia materialità, le nuove direttive in tema di reporting hanno tenuto conto degli standard esistenti e di tutta la “cultura” (definizioni, concetti, strumenti…) sviluppata nel corso degli anni. Il risultato che ne consegue è che concetti e informative di ESRS e GRI relativamente alle tematiche ESG sono definite come “pienamente allineate o, quando ciò non è possibile a causa di specifici contenuti della CSRD, strettamente allineate”. Il risvolto operativo maggiormente positivo (da qui il sollievo per le aziende) è che gli impianti di reporting che fino ad oggi hanno utilizzato come standard il GRI sono naturalmente predisposti a rendicontare nell’ambito dell’ESRS. Qui la nota congiunta